Le donne meritano rispetto

Gerrard saluta lo stadio che è stato suo per una vita. Grandissimo giocatore, capitano di un calcio romantico sempre più in declino. A chi ama il calcio, eventi come questi non possono che lasciare un segno o un ricordo. Poi chi ama il calcio è quasi sempre un ragazzo che gioca nelle tre categorie più basse a livello provinciale e lo fa perché di inseguire quella sfera, proprio non riesce a smettere. Ora, caro amante del calcio che spendi tante parole belle su Gerrard, devi sapere che esiste anche il calcio femminile.
In Italia, la Serie A femminile è considerata a livello dilettante, proprio come la tua terza categoria. Escludiamo le problematiche economiche di quest’altra parte del calcio, vorrei farti sapere, caro italiano amante del calcio, che l’attuale presidente della FIGC Federazione Italiana Gioco Calcio, Carlo Tavecchio, lo scorso anno, quando era presidente della LND Lega Nazionale Dilettanti, ha definito handicappato il calcio femminile (non vi parlo delle altre riforme folli e controproducenti che ha introdotto), ed ora il suo successore alla LND, Felice Belloli, eletto a modi quasi plebiscitari dal consiglio, quindi da gente che la pensa come lui, anche se al momento dell’elezione aveva dichiarato “Il calcio a cinque ha conquistato traguardi importanti, sono certo che il femminile potrà ottenere altrettanto grazie a mirate politiche virtuose”, ora (5 marzo durante l’assemblea direttiva del calcio femminile) si è espresso così: “Basta non si può sempre parlare di dare soldi a queste quattro lesbiche”.
Sono certo che l’indagine non porterà a nulla grazie agli amici degli amici che copriranno e visto che per fortuna viviamo in un paese dove esiste la presunzione di non colpevolezza, non immagino certo le dimissioni, d’altronde tra un po’ abbiamo elezioni regionali in Italia dove c’è candidata gente consapevole di essere incompatibile, di essere trasparenti non ci credo più.
Mi rivolgo a te, amante del calcio che ora esprimi tutta la tua solidarietà per Gerrard avversario o compagno, ma sempre leale, non lasciare passare indifferenti queste parole di Felice Belloni, e sostieni come meglio puoi e credi, quest’altra metà del calcio.

Le donne meritano rispetto

-G

I commenti sono chiusi.